In cosa consiste il corso di Posturale?

Scopriamo insieme le basi e i protocolli operativi di questa attività.

“La Postura è il risultato dell’interazione funzionale tra le componenti biomeccaniche, neurofisiologiche, psicologiche e psicomotorie dell’individuo che si evidenzia con gli atteggiamenti statici e dinamici dei segmenti corporei, variabili in relazione agli obiettivi da perseguire e agli stimoli dell’ambiente.”

(Martinelli-Parodi 2007).

Il concetto di postura, quindi, non si riferisce ad una condizione statica, rigida e prevalentemente strutturale. Si identifica, invece, con il concetto più generale di equilibrio inteso come “ottimizzazione“ del rapporto tra soggetto e ambiente circostante, cioè quella condizione in cui il soggetto stesso assume una postura o una serie di posture ideali rispetto alla situazione ambientale, in quel determinato momento e per i programmi motori previsti.

La Ginnastica Posturale, attraverso protocolli esecutivi di lavoro, diventa mezzo di prevenzione e di miglioramento dello stato di salute dell’intero organismo e può essere utilizzata da qualsiasi persona a prescindere dal sesso, dall’età e dallo stato generale di fitness.

Questi protocolli di lavoro prevedono 5 aree:
mobilità
presa di coscienza
respirazione
rinforzo muscolare
rilassamento

 

Gli esercizi di mobilità articolare sono molto importanti perché aiutano a riscaldare le articolazioni per prepararle al lavoro da svolgere e aiutano anche a percepire il ROM articolare fisiologico e personale di ogni articolazione.

 

Gli esercizi di presa di coscienza servono a sviluppare e a rinforzare i meccanismi neurologici che sono alla base della sensibilità cinestetica, importantissima per poter compiere movimenti consapevoli e per migliorare il controllo motorio e, quindi, l’equilibrio.

 

Qualsiasi lavoro posturale non può prescindere da una buona respirazione. Gli esercizi di respirazione servono ad apprendere una migliore attivazione dei muscoli espiratori/inspiratori, a migliorare la mobilità del torace e ad allenare la potenza respiratoria, nonché a raggiungere un miglior trofismo del diaframma e dei muscoli addominali.

 

La parte di lavoro centrale della lezione di ginnastica posturale sarà costituita da esercizi di rinforzo muscolare. Questi esercizi saranno multiarticolari in modo da poter attivare (in parte o per intero) le catene cinetiche del corpo. Potranno essere svolti da in piedi, in ginocchio, in quadrupedia, da seduti o in posizione di decubito prono/supino, con o senza l’utilizzo di piccoli attrezzi (elastici, palline, manubri, fitball, ecc) e avranno lo scopo di allentare le retrazioni muscolari e rinforzare i distretti muscolari ipotonici, riequilibrando le forze muscolari agenti sull’organismo soprattutto a livello del rachide.

La parte finale della lezione di ginnastica posturale sarà caratterizzata da esercizi di rilassamento, i quali serviranno a diminuire le tensioni e ristabilire l’omeostasi dell’organismo.

Scopri di più sul corso di Ginnastica Posturale e prenota la tua prova gratuita.